, ,

Marcello Gandini, progettista della Lamborghini Countach, muore a 85 anni

Il mondo del design automobilistico è in lutto dopo la notizia della scomparsa di Marcello Gandini, iconico designer italiano che ha lasciato un segno indelebile nel settore. Gandini, nato il 26 agosto 1938 a Torino e scomparso il 13 marzo 2024 all’età di 85 anni a Rivoli, è stato riconosciuto per la sua innovazione e la sua visione d’avanguardia nel design automobilistico.

Figlio di un direttore d’orchestra, Gandini iniziò la sua carriera presso il leggendario Gruppo Bertone nel 1963, sotto la direzione di Nuccio Bertone. Sebbene la sua assunzione sia stata inizialmente oggetto di dibattito a causa dell’opposizione di Giorgetto Giugiaro, egli ha presto dimostrato il suo eccezionale talento. Durante la sua permanenza alla Bertone, Gandini stupì il mondo con creazioni rivoluzionarie, tra cui l’iconica Lamborghini Miura, l’elegante Alfa Romeo Montreal e la futuristica Lancia Stratos.

Dopo quattordici anni alla Bertone, Gandini decise di mettersi in proprio nel 1980, affermandosi come designer indipendente. Durante questa fase, ha collaborato a progetti eccezionali come la Bugatti EB110 e la leggendaria Lamborghini Diablo, la cui proposta originale fu rifiutata dai dirigenti Chrysler, ma la cui influenza sul design finale rimane innegabile.

Foto: © Lamborghini

Oltre a collaborare con marchi famosi come Lamborghini e Bugatti, Gandini ha lasciato la sua impronta anche su modelli di marchi come BMW, Citroën, Ferrari e Fiat, tra gli altri. La sua eredità comprende una vasta lista di auto che sono diventate icone del design e dell’ingegneria.

Gli ultimi anni della sua carriera sono stati segnati dalla collaborazione con Alejandro De Tomaso, con cui ha lavorato a progetti come la Maserati Shamal e il prototipo Maserati Chubasco. Sebbene alcune delle sue creazioni non siano state prodotte in serie, la sua influenza è ancora viva nell’industria automobilistica.

La notizia della sua scomparsa ha scosso la comunità automobilistica mondiale. I funerali di Marcello Gandini si terranno venerdì 15 marzo nel suo studio di Almese, a Torino. Il 14 marzo sarà allestita una cappella funebre dove amici, colleghi e ammiratori potranno rendere omaggio e dare l’addio a questo indiscusso maestro del design automobilistico, la cui eredità vivrà per sempre.

L’eredità di Marcello Gandini si estende attraverso un elenco impressionante di veicoli che hanno lasciato un segno indelebile nella storia dell’automobile. Alcune delle automobili progettate da Gandini includono:

  • Alfa Romeo Alfetta
  • Lamborghini Miura P400 S (1969)
  • Alfa Romeo Montreal
  • Alfa Romeo Carabo
  • BMW Serie 5
  • Lamborghini Countach LP400 (1973)
  • Bugatti EB110
  • Citroën BX
  • Cizeta Moroder V16T
  • Lamborghini Diablo (1990)
  • De Tomaso Pantera 200
  • Ferrari Dino 308 GT4
  • Fiat 132
  • Fiat X1/9
  • Iso Grifo
  • Lamborghini Countach
  • Lamborghini Diablo
  • Lamborghini Espada
  • Lamborghini Jarama
  • Lamborghini Miura
  • Lamborghini Urraco
  • Lancia Stratos
  • Maserati Khamsin
  • Maserati Quattroporte II
  • Maserati Quattroporte IV
  • Maserati Shamal
  • Qvale Mangusta
  • Renault Supercinco
  • De Tomaso Biguà/Qvale Mangusta
  • Renault Magnum

Questo elenco esemplifica la diversità e l’influenza duratura di Gandini sul design automobilistico, mostrando la sua capacità di creare veicoli che hanno affascinato intere generazioni di appassionati. Il suo genio creativo e la sua visione unica continueranno a ispirare i designer e gli appassionati di automobili di tutto il mondo.